News & Eventi

TURISMO DI PRIMAVERA: SI TORNA ALL’ESTERO. PER PASQUA E PONTI 2023 PRENOTATI OLTRE  1,2 MILIONI DI PACCHETTI VACANZA.  CRESCONO LE VACANZE OLTRE CONFINE (+23%), IN CALO QUELLE IN ITALIA (-7%)
Postato il 06/04/2023

 

Capitali europee e città d’arte italiane le più richieste. Spagna, Francia, Egitto, Israele ma anche Caraibi, Stati Uniti, India e Sudafrica le destinazioni più scelte all’estero. In Italia Toscana e Lazio le più gettonate

La Pasqua in agenzia di viaggio segna il ritorno degli italiani all’estero. Dopo il lungo stop indotto dalla pandemia, con la primavera torna la voglia di viaggiare e di visitare altri Paesi: per la settimana di Pasqua e dei Ponti di primavera sono stati acquistati oltre 1,2 milioni di pacchetti vacanza tutto compreso presso la rete delle agenzie italiane, con un aumento del +11% sullo scorso anno. A farla da padrone è la voglia di viaggi oltre confine, in aumento del +23% rispetto al 2022, mentre le destinazioni italiane calano del -7%.

È quanto emerge dall’indagine realizzata da CST-Centro Studi Turistici di Firenze, l’Osservatorio sul Turismo Organizzato di Assoviaggi Confesercenti, su un campione di 532 agenzie di viaggio.

Complessivamente, i viaggi di primavera passati almeno parzialmente per le agenzie – ad esempio per l’acquisto dei soli biglietti o servizi turistici – sono 4,5 milioni: oltre 2 milioni di viaggi organizzati almeno in parte in agenzia per Pasqua, di cui circa 553mila con un pacchetto viaggio tutto compreso, mentre per i Ponti sarebbero circa 2,5 milioni i viaggi intrapresi grazie alle attività delle agenzie, di cui 675mila con pacchetto completo. Gli italiani che si recheranno all’estero saranno circa 2,7 milioni: circa 1,2 milioni (di cui 444mila con pacchetto completo) per Pasqua, e 1,5 milioni – di cui 543mila con pacchetto – per i Ponti di primavera.

Le tipologie di viaggio più richieste. Al primo posto tra le richieste di vacanza dei nostri connazionali in agenzia troviamo le capitali europee, segnalate tra le tipologie di viaggio più ricercate dal 57,9% delle agenzie intervistate. Seguono le città d’arte italiane (il 51,6%) e i viaggi in relax in crociera (28,4%). Forte anche la domanda di viaggi Intercontinentali (segnalata dal 24,2% delle adv) ed il mare esotico (20%) mentre un altro 15,8% di operatori segnala, tra le richieste in crescita, le destinazioni balneari dei Paesi del Mediterraneo.

Le destinazioni all’estero.  Il ritrovato entusiasmo degli italiani per i viaggi oltre confine fa emergere, tra le destinazioni del “corto raggio” più richieste, la Spagna, seguita da Francia, Portogallo, Marocco, Regno Unito e Grecia. La voglia di tornare a viaggiare nel mondo, inoltre, spinge i viaggiatori a scegliere, tra le migliori destinazioni del “medio raggio” l’Egitto e Israele ma sono in quota anche Islanda, Finlandia e Norvegia, mentre per i turisti del “lungo raggio” le mete più amate sono Caraibi, Stati Uniti, Giappone, Thailandia, anche se non mancano richieste anche per India, Sudafrica, Sud America, Australia, Canada e Polinesia.

Le destinazioni in Italia. Per chi ha scelto di rimanere in Italia per le festività pasquali ed i ponti primaverili, tra le sei regioni più gettonate per una vacanza, secondo le segnalazioni degli operatori turistici, dominano la classifica la Toscana ed il Lazio, seguite da Campania e Sicilia, Veneto e Puglia. Il grande appeal registrato dal turismo culturale di primavera evidenzia, invece, tra le città d’arte preferite per un viaggio all’insegna della conoscenza Roma, Firenze, Napoli, Venezia, Torino e Matera.

Il trimestre gennaio-marzo. La buona performance prevista per la primavera segue l’andamento delle prenotazioni nel primo trimestre del 2023, che ha sorpreso in positivo gli stessi operatori turistici, nonostante i timori per gli aumenti delle tariffe e i rallentamenti dovuti al caos-passaporti. Dall’indagine emerge, infatti, che il volume delle richieste nel periodo gennaio-marzo è aumentato del +24%, un andamento sicuramente positivo ma non ancora sufficiente a eguagliare i risultati pre-pandemia. Una tendenza leggermente migliore è stata segnalata dalle agenzie e tour operator delle regioni del Nord Ovest e del Centro, a differenza del Nord Est e Sud-Isole dove l’andamento si è attestato al di sotto dei valori medi.

La questione dei prezzi. Se da un lato i numeri di questa prima parte dell’anno sono più che positivi, dall’altro per le agenzie di viaggio e i tour operator le difficoltà non sembrano del tutto superate. Il tema dei rincari dei servizi, segnalato dal 75% del campione, ha creato incertezza sul mercato, con un incremento medio delle tariffe dei servizi stimato in +25%, e molto più alto per gli operatori aerei (si sfiora il +80%).

 “Il primo trimestre del 2023 consegna una tendenza positiva al turismo organizzato - afferma il presidente di Assoviaggi Gianni Rebecchi - dati importanti che auspichiamo riportino, nel corso dell’anno, ai volumi pre-pandemia del 2019 un settore strategico fatto di imprese che operano nel nostro Paese e ad alto tasso di inclusione di giovani e donne, offrendo un contributo determinante di oltre 13 miliardi al sistema economico nazionale. L’attenzione dovrà, perciò, restare alta nei prossimi mesi estivi fino all’autunno, poiché inflazione e crisi internazionali, innalzamento dei tassi di interesse e crisi bancarie hanno un impatto sul potere d’acquisto delle famiglie. Anche se i dati comunque dimostrano che gli italiani considerano la vacanza, il viaggio culturale ed esperienziale, come elemento fondamentale che concorre a definire la qualità della propria vita”.

 

 


Notizie relative al servizio

TURISMO: ASSOTURISMO–CST, FINISCE LA SCUOLA, INIZIANO LE VACANZE. PER GIUGNO ATTESI 15 MILIONI DI ARRIVI E 54 MILIONI DI PERNOTTAMENTI
Area Sindacale
Postato il 07/06/2024
Confesercenti Forlì Cesena - TURISMO: ASSOTURISMO–CST, FINISCE LA SCUOLA, INIZIANO LE VACANZE. PER GIUGNO ATTESI 15 MILIONI DI ARRIVI E 54 MILIONI DI PERNOTTAMENTI
    Con la conclusione dell’anno scolastico, inizia anche la stagione delle vacanze estive. Per il mese di giugno sono attesi 15 milioni di arrivi di turisti nelle strutture rice ...
Continua a leggere

NEL GIORNO IN CUI SI CELEBRA LA “GIORNATA DELL’EUROPA” CONFESERCENTI EMILIA ROMAGNA LANCIA L’ALLARME SULLA SITUAZIONE DEL COMMERCIO DI PROSSIMITA’
Area Sindacale
Postato il 09/05/2024
Confesercenti Forlì Cesena - NEL GIORNO IN CUI SI CELEBRA LA “GIORNATA DELL’EUROPA” CONFESERCENTI EMILIA ROMAGNA LANCIA L’ALLARME SULLA SITUAZIONE DEL COMMERCIO DI PROSSIMITA’
  Come ogni anno, il 9 maggio “Giornata dell’Europa”, Confesercenti Emilia Romagna assieme ai partner di “Vitrines d’Europe”, festeggia in contemporanea la ...
Continua a leggere

“C’E’ BISOGNO DI NUOVE IMPRESE: NASCITE DI ATTIVITÀ CROLLATE, -150MILA IN QUATTRO ANNI” LE DICHIARAZIONI DI PATRIZIA DE LUISE
Area Sindacale
Postato il 03/05/2024
Confesercenti Forlì Cesena - “C’E’ BISOGNO DI NUOVE IMPRESE: NASCITE DI ATTIVITÀ CROLLATE, -150MILA IN QUATTRO ANNI” LE DICHIARAZIONI DI PATRIZIA DE LUISE
  Aperture di nuove imprese in picchiata dalla pandemia e mai tornate ai livelli del 2019. Necessario fornire alle PMI anche gli strumenti per restare sul mercato, a partire da formazione e tu ...
Continua a leggere

FIDUCIA: CONFESERCENTI, APRILE CONDIZIONATO DA INCERTEZZA, SARÀ PRIMAVERA FREDDA ANCHE PER I CONSUMI DELLE FAMIGLIE?
Area Sindacale
Postato il 30/04/2024
Confesercenti Forlì Cesena - FIDUCIA: CONFESERCENTI, APRILE CONDIZIONATO DA INCERTEZZA, SARÀ PRIMAVERA FREDDA ANCHE PER I CONSUMI DELLE FAMIGLIE?
  Famiglie in difficoltà dopo due anni di alta inflazione, DEF ‘transitorio’ e difficoltà a trovare le poche risorse necessarie per il bonus tredicesime non aiutano a ...
Continua a leggere

Trasparenza imprese decreto 124/2017
Programmi di Formazione
Progetto Start Up
Creditcomm
EPASA ITACO
INNOVA ENERGIA